ONU: Pericolo nuovi attacchi terroristici.

Le Nazioni Unite non vogliono allarmare nessuno ma il pericolo di attentati terroristici entro la fine del 2019 sembra aumentare.

L’ONU ha riportato la possibilità di nuovi attacchi terroristici entro la fine dell’anno, dopo la pausa che abbiamo avuto negli ultimi mesi. Il numero di persone affiliate allo “Stato Islamico” (ISIS) di natura estremista potrebbe aggirarsi attorno a 30.000 e, sebbene il califfato dello Stato Islamico (organizzazione terroristica armata attiva in Siria e Iraq) non esista più a livello territoriale, molti dei fattori che hanno dato vita a questa organizzazione serpeggiano ancora.

Ass. generale ONU.

Inoltre, nonostante gli attacchi abbiano avuto meno successo negli ultimi anni, la minaccia per l’Europa rimane alta e non da sottovalutare. Le preoccupazioni derivano anche dalle condizioni in cui vivono alcuni dei carcerati, afflitti da povertà, emarginazione e violenza che potrebbero portarli ad essere condizionati da questi movimenti estremisti.

Imminente è anche la liberazione di molti carcerati, detenuti per essere ritornati dal “califfato” dello Stato Islamico; il problema è dato dal fatto che i programmi di de-radicalizzazione (ossia ripulire i detenuti da idee estremiste) potrebbero non essere così efficaci come si pensava.

Gli studi dell’ONU hanno dimostrato che, nonostante al-Qaida sia ancora resistente, la salute di al-Zawahiri, attuale capo del gruppo terrorista, si sta indebolendo ora che ha quasi 70 anni. Inoltre, in settimana è stata confermata la notizia della morte di Hamza Bin Laden, figlio di Osama Bin Laden (fondatore dell’organizzazione).

Osama bin Laden assieme a Ayman al-Zawahiri

Questa situazione di preoccupazione internazionale ha portato la nuova Segretaria di Stato per gli affari interni del Regno Unito, Priti Patel, ad agire di conseguenza. Nella sua prima intervista per il Daily Mail ha detto di volere che i criminali si sentano terrorizzati all’idea di infrangere la legge. Tuttavia ha voluto prendere le distanze da chi supporta la pena di morte.

Priti Patel

Articolo di Mirco Testa.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...