La Russia potrebbe ripristinare per un anno il GTS ucraino.

A causa dei ritardi di Nord Stream 2, la Russia potrebbe “concedere” all’Ucraina un prolungamento del contratto di transito del gas per l’ammontare di 1 anno.

Il 26 giugno, il ministro dell’Energia della Federazione Russa, Alexander Novak, ha proposto di proseguire il precedente contratto per la fornitura di gas all’Europa attraverso l’Ucraina.

Ha sottolineato che l’attuale contratto è valido solo entro il 31 dicembre 2019 e ha anche commentato le informazioni sull’estensione di questo contratto nel breve periodo.

Aspetteremo l’inizio delle consultazioni tripartite, quando il nuovo governo ucraino sarà eletto e potremmo dialogare con le controparti. In generale, siamo a favore che l’Ucraina acquisti direttamente il gas. Abbiamo offerto ai nostri colleghi la possibilità di prolungare il contratto esistente per un anno alle medesime condizioni.

Tuttavia Naftogaz non ha ancora ricevuto dalla Russia una proposta di contratto a breve termine per il transito di gas. Vitrenko Yuriy, direttore esecutivo di Naftogaz, ha dichiarato che:

Siamo disponibili ad accettare la proposta di Gazprom di fornitura di gas al prezzo europeo corrente, ovvero senza sconti (in passato infatti l’Ucraina rivendicava la necessità di uno sconto dalla Russia rispetto al prezzo di vendita europeo).

Vitrenko Yuriy

Gli ucraini vorrebbero fornire alla Russia la proposta di trasportare 60 miliardi di metri cubi di gas attraverso il paese nel corso di 10 anni.


L’Ucraina non acquista gas direttamente in Russia dal 2015, a causa di un forte indebitamento. Il deficit era nato per via dello stesso contratto di vendita, così Naftogaz aveva fatto appello al tribunale arbitrale di Stoccolma ottenendo $ 4,6 miliardi come compensazione. Successivamente, l’Ucraina ha richiesto alla Russia di continuare la cooperazione ma ogni proposta si è arenata ed è fallita.

Ricordiamo anche che la Russia sta costruendo il gasdotto “Nord Stream 2”, ma a causa delle lungaggini della revisione ambientale in Danimarca, la sua costruzione è stata interrotta e non è noto quando riprenderà. Pertanto, la proroga dell’accordo sul transito del gas attraverso l’Ucraina è un’opportunità per la Russia di non perdere profitto, infatti il Nord Stream 2 avrebbe dovuto iniziare a funzionare alla fine del 2019. Proprio in questo anno infatti le forniture all’Ucraina si sarebbero dovute interrompere.

Articoli di Khrystyna Stefanyshyna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...