G20: Situazione ambigua sul caso Huawei, resta il ban ma arriva l’ok sulle forniture.

A distanza di mesi fa ancora discutere la situazione Huawei-USA. E sembrano essere arrivate delle novità ambigue…

Si sta evolvendo la situazione che ha portato il 19 maggio Donald Trump ad annunciare il Ban contro il colosso asiatico della telefonia Huawei, per questioni di sicurezza nazionale. La decisione di Trump infatti aveva lo scopo di far interrompere immediatamente il commercio tra le aziende americane e l’azienda asiatica, con effetti che si sarebbero potuti rivelare devastanti.

Ren Zhengfei, CEO di Huawei.

Attualmente Huawei rappresenta la terza forza nel campo mobile, di poco dietro agli altri due colossi, Apple e Samsung. Il problema per Huawei è il sistema operativo adottato, Android, di proprietà di Google (azienda americana). Inoltre anche numerose componenti, come chip e processori, di aziende americane sono usate nei telefoni Huawei. L’azienda dunque si sarebbe trovata nel giro di poco tempo senza il suo sistema operativo e con numerose parti fondamentali mancanti.

Eppure il colosso ha mantenuto una certa fermezza. L’azienda infatti ha comunicato di essere già al lavoro per la creazione di un proprio sistema operativo. Inoltre ha già iniziato a prendere contatti con altre aziende asiatiche per i nuovi componenti. Insomma, la volontà dell’azienda era quella di non mostrarsi debole dopo queste decisioni ma anzi, dimostrarsi capace di rialzarsi subito e rimettersi al lavoro per fornire un’ottima esperienza ai propri utenti.

E la figura migliore l’ha fatta proprio la Huawei, che nonostante il Ban oggi continua ad avere numeri fenomenali, con parecchi stati che hanno deciso di collaborare con loro per la realizzazione del 5G.

La situazione quindi è andata avanti in modo un po’ ambiguo, senza reali certezze. Ora però una certezza l’ha data proprio Trump e sembra proprio un passo indietro. Infatti al G-20 di Osaka egli avrebbe affermato:

Abbiamo discusso di molte cose”. Abbiamo discusso di Huawei, ha detto Trump in conferenza stampa riferendosi ai colloqui con il presidente della Repubblica popolare Xi Jinping. “Una cosa che acconsentirò, e che sorprenderà molte persone, è il ripristino della vendita a Huawei dell’enorme ammontare di componenti utilizzati nei vari prodotti che loro realizzano . Le compagnie Usa potranno vendere attrezzature a Huawei, a patto che non vi siano ostacoli alla sicurezza nazionale”.

Donald Trump ed il Presidente cinese Xi-Jinping.

Per vedere la fine della vicenda dobbiamo aspettare il 19 agosto, scadenza della proroga di 90 giorni fornita a Huawei per ristrutturarsi dopo il Ban. Cosa accadrà ora? Huawei mostrerà il suo nuovo sistema operativo, o sarà Trump ad allentare ancor di più la presa? Solo il tempo ci dirà la risposta.

Articolo di Manuele Duraccio.

Annunci

Un pensiero riguardo “G20: Situazione ambigua sul caso Huawei, resta il ban ma arriva l’ok sulle forniture.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...