Perché la Russia ha iniziato ad acquistare gas all’estero?

Quanto costerà alla Russia acquistare gas e qual’è la ragione di tale esigenza.

Il 1° luglio 2019 è stato firmato un contratto di fornitura di gas tra la Russia e il Turkmenistan. Questo contratto sarà valido per 5 anni (fino al 30 giugno 2024). La Russia aveva già firmato altri accordi con il Turkmenistan. Uno di essi era in vigore dal 2003, ed avrebbe dovuto continuare ad esserlo per altri 25 anni.

La rotta del gas verso l’Europa.

Tuttavia, nel 2016 è stato annullato per una questione di prezzi dalla Russia stessa. Secondo il precedente accordo, Gazprom avrebbe dovuto acquistare 10 miliardi di metri cubi di gas da Turkmengas ma, a causa della caduta dei prezzi in Europa e della disponibilità di risorse proprie, la Russia aveva deciso di interrompere il contratto non redditizio.

Inoltre, con il primo contratto, Gazprom aveva subito delle perdite. Infatti, il costo del gas dal Turkmenistan ed il costo di trasporto verso l’Europa superavano il prezzo di vendita del gas nell’Unione europea. Di conseguenza, nel 2015 gli acquisti sono stati ridotti a quattro miliardi di metri cubi di gas e nel 2016 sono stati del tutto interrotti.

La seconda collaborazione è iniziata dal 15 aprile del 2019 fino al 30 giugno. Durante questo periodo, il volume degli acquisti generato dal contratto a breve termine è stato di 1,2 miliardi di metri cubi. Stiamo parlando di un periodo di prova precedente ad una nuova collaborazione a lungo termine.

Perché questo nuovo cambio di rotta nel 2019? Gazprom ha recentemente promesso all’Unione europea una fornitura di 200 miliardi di metri cubi di gas all’anno ed ha così deciso di assicurarsi di essere in grado di esportare queste quantità con una nuova cooperazione con il Turkmenistan.

Allo stesso tempo, i residenti russi vanno a rifornire le loro auto in Kazakistan, poiché i prezzi dei loro vicini per gas e benzina sono due volte inferiori. Perché vi sia una così grande differenza tra le politiche dei prezzi di questi paesi non è nota. A conferma, un video di un cittadino della Russia, che rifornisce la sua auto in una stazione di benzina in Kazakistan. In questo paese il prezzo per litro di benzina è di 145 tenge, ovvero 24,12 rubli per litro. Al contrario in Russia il prezzo per la stessa benzina è di 42 rubli al litro.

“I residenti russi vanno a fare rifornimento in Kazakistan”.

Traduzione dell’articolo di Khrystyna Stefanyshyna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...