Sorelle Khachaturyan, assassine o vittime della giustizia?

Russia, Mosca, 28 giugno 2018. Kristina (20 anni), Angelina (18 anni) e Marina (17 anni) – 3 sorelle, 3 assassine, 3 vittime. Ma questa volta assassini e vittime coincidono. Mikhail Khachaturian era il “perfetto” padre di famiglia, che per diversi anni ha costantemente umiliato, violentato e picchiato non solo sua moglie, ma anche le tre figlie.

Sembrava che si potesse giungere ad un lieto fine ma, a causa dell’amicizia di Mikhail Khachaturian con le autorità, è andato tutto storto. L’uomo minacciava di uccidere i vicini con una pistola che addirittura gli puntava contro la testa, con spari a vuoto in mezzo alla strada e continui comportamenti deviati ed instabili. Le denunce erano diverse, tanto che sarebbero state abbastanza per poterlo incarcerare per alcuni anni ma, guarda caso, queste denunce sono sempre finite nelle sue mani.

Il fatto si è compiuto il 28 giugno 2018, Mikhail Khachaturian era tornato a casa dopo essere andando alla clinica di riabilitazione psichiatrica e, come suo solito, aveva trovato delle scuse per abusare delle figlie: la casa sporca e qualche spesa di troppo sulla carta di credito. Per punire le ragazze, Mikhail Khachaturian ha spruzzato loro uno spray al peperoncino sul viso, finché Kristina non ha perso conoscenza per via di un attacco d’asma. Quella sera, dopo che l’uomo si era messo a dormire su di una sedia, Marina ed Angelina lo hanno aggredito con un coltello ed un martello. Lo hanno accoltellato fino a quando Mikhail Khachaturian non si è svegliato ed ha cercato di fuggire. Alla fine, è stato ucciso da un colpo secco al cuore.

Cosa si può dedurre dalla vicenda? Il fatto che, in Russia, con i giusti contatti tra le autorità, si possano arrecare gravi lesioni fisiche, stupri ed abusi ai familiari senza timore di essere condannato. Serj Tankian, frontman del gruppo musicale System of a Down, ha espresso la sua opinione in merito a questa situazione:

“Un caso molto tragico nei tribunali russi svela l’ulteriore fallimento del sistema nei confronti delle vittime di abusi domestici e pone la sinistra contro la destra all’interno del paese. È un caso complesso con più vittime oltre a quella che è stata effettivamente uccisa. È un esempio lampante di come anni di violenza contro donne e bambini, senza ottenere alcuna giustizia, possa causare un’azione violenta e vendicativa. I tribunali devono dimostrare clemenza verso queste ragazze in virtù del fallimento del sistema”.

Serj Tankian, frontman di System of a Down.

Cosa hanno fatto le autorità del paese per risolvere la situazione? Ad oggi in Russia le violenze domestiche vengono punite con una multa amministrativa che varia dai 5.000 ai 30.000 rubli (ca. 70-420 euro). Questa, potrebbe mai essere una giusta punizione?

Traduzione in lingua italiana dell’articolo in lingua di Khrystyna Stefanyshyna (Ucraina).

Annunci

Un pensiero riguardo “Sorelle Khachaturyan, assassine o vittime della giustizia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...